Solo perché potete arrivare a qualcuno via e-mail non significa che dovreste

spam newletter

In questi giorni mi scade la revisione dell’auto e, da un mese a questa parte, sto ricevendo tante lettere nella cassetta della posta di officine che mi ricordano la scadenza e mi invitano ad affidare la revisione ai loro meccanici.

Da anni ricevo email di newsletter a cui non mi sono mai iscritto o a cui mi sono disiscritto più volte.

E ricevo anche messaggi su Messenger di web agency che mi propongono questo o quel servizio (ignorando il fatto che anche io lavori nel loro stesso settore e fregandosene dei miei inviti a non mandarmi più messaggi automatici e a cancellarmi dal loro database).

Messaggi pubblicitari mi arrivano anche via SMS, via Whatsapp, via LinkedIn, via Instagram e via dicendo. Ovunque.

Non voglio sembrare bacchettone, ma voglio lanciare un messaggio a queste persone/agenzie/aziende: avete rotto il cazzo.

Soprattutto perché per il 90% delle volte mi inviate comunicazioni e offerte di cui non me ne frega niente (in barba a ogni targettizzazione); perché nonostante io vi chieda di smetterla, vuoi continuate (in barba alla legge); perché spesso mi allettate a iscrivermi alle vostre newsletter con una promessa che già dalla prima email o comunicazione avete disatteso (in barba all’onestà).

Io ho un brutto rapporto con le newsletter (et sim.) e va bene. Posso sembrare esagerato – e va bene. Ma voi, cosa pensate di ottenere con questi comportamenti?

Tutto questo è spam. E lo spam è cafone.

Quante possibilità ci sono che io, che sono un copywriter, acquisti uno dei vostri servizi di copywriting? Quante possibilità ci sono che una persona che si è cancellata dalla vostra newsletter apprezzi le email che continuate a mandarle? Quante possibilità ci sono che qualcuno accetti un’offerta non richiesta e che non rientra minimamente nei suoi interessi?

Ve lo dico io: nessuna.

Quindi, prima di decidere di buttarsi nel magico mondo dei funnel e delle newsletter e dei CRM assicuratevi di:

That’s it!


Photo by Hannes Johnson on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *