Storia miniMA #2

 

La serata aveva preso una di quelle pieghe così sgualcite e profonde che sono impossibili da stirare.

Poi entrarono in quel pub a metà del centro storico, e trovarono due chitarre che suonavano venti dita contemporaneamente. E più le chitarre suonavano e più le dita davano fiato a quattro polmoni che alimentavano due bocche. E dalle bocche uscivano le canzoni rock della loro infanzia. E tanto è bastato per risollevare la serata, fregarsene delle pieghe e convincerci a indossare la serata sgualcita senza vergogna e senza paure. Perché la musica è così: ti accorda la mente e ti fa risuonare il cuore. È bastata la forza di quei due ragazzi che cantavano e suonavano come due eroi belli e invincibili. È bastata la musica. La musica bella suonata da gente bella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *