Smart working, dumb fregatura

Questa storia dello smart working inizia a puzzare di fregatura. Lavoro in smart working dal 2015. Allora si chiamava ‘lavoro in remoto’ o, più ingenuamente, ‘lavoro da casa’ – e, benché fosse una modalità di lavoro come le altre, era considerato un po’ da sfigati, da precari, da chi si arrangia facendo lavoretti. Vaglielo a …

Smart working, dumb fregatura Leggi altro »